Sasso tra sassi

Mostra fotografica

In questa stanza il limite tra realtà e pensiero è sottile. mi sembra di riuscire a toccare le infinite forme che può assumere un ricordo. Grigio, pesante, elegante come un sasso.

Tante piccole,grandi, rotonde, taglienti impronte incancellabili di una memoria che cammina da una vita senza tregua, che matura con il tempo.

Quella che le foto vuole evocare è  una storia, raccontata anche attraverso l'ausilio di oggetti esposti durante la mostra. Si tratta di  una storia d'amore finita in tragedia, realmente accaduta, della quale non vengono volontariamente specificate le dinamiche. l'obiettivo della mostra è quello di smuovere una riflessione di tipo antropologico, sulle contingenze della vita, sulla tendenza dell'uomo ad associarle, identificarle edidentificarsi con gli oggetti.

Il sasso rappresenta la chiave della  narrazione: la sua presenza  è simbolo e concretizza zione e  di un ricordo e allo stesso tempo del tentativo-impossibilità di rimuoverlo. Il sasso ed il ragazzo di cui la donna era innamorata sono legati, sembrano talvolta coincidere. Cosa lega il sasso al giovane e  alla storia d’amore ?le foto non lo specificano con chiarezza;  l’osservatore può trarne le proprie conclusioni liberamente.  Nella versione reale della storia  il ragazzo regalò un sasso alla protagonista, durante una passeggiata al mare. Il primo di una lunga collezione durata una vita intera.

Scegli un sasso, scrivi quello che per te rappresenta e riponilo nella valigia